lunedì 18 luglio 2011

GIAPPONE E LA CARNE RADIOATTIVA

Dopo l'incidente nucleare in Giappone nella centrale di Fukushima l'allarme radioattività si sposta sulla carne. Gli animali che hanno mangiato mangimi contaminati hanno contaminato le carni dei supermercati! Le radiazioni entrano così nella catena alimentare.

In particolare, la catena di distribuzione Aeon Co ha dichiarato di aver venduto 319 chili di carne di manzo radioattivo in un supermercato di Tokyo e in almeno 10 negozi della zona circostante, nel periodo immediatamente successivo allo tsunami dell’11 marzo e alla fuoriuscita di radiazioni dalla centrale nucleare, cioè dal 27 aprile al 20 giugno.

Sembra che la carne provenisse proprio dalla prefettura di Fukushima. Secondo le autorità nipponiche, a questo punto potrebbe finalmente essere vietata la fornitura di manzo proveniente dalla zona di Fukushima.

Nonostante la proverbiale saggezza e organizzazione dei giapponesi ancora una volta in questa emergenza nucleare non si sono dimostrati all'altezza e neanche sufficientemente pronti a prendere le misure necessarie a contenere i danni, una prova ancora di come l'energia nucleare sia dificilmente controllabile.

Nessun commento:

Posta un commento